Lattedoro: la nuova fragranza di Gabriella Chieffo

Lattedoro packshot

A pochi mesi dal lancio di Quasicielo, un’Eau de Parfum dai contrasti decisi e complessa chiamata ad incarnare un tema sensibile come quello di una difficoltosa accettazione del proprio corpo e della propria identità sessuale, la profumiera e proprietaria del brand leccese Gabriella Chieffo torna a raccontare (ma probabilmente anche a raccontarsi) con una fragranza che sembra avvolgerci di dolcezza e calore già a partire dal suo nome, Lattedoro – una parola che rimanda immediatamente ad un’aura accogliente e preziosa come quella sprigionata dall’omonima bevanda ayurvedica, il Golden Milk, cui la nuova creazione è strettamente connessa tanto nella piramide olfattiva quanto nel concept.

Appartenente alla Collezione 2018, Lattedoro è infatti “nutrimento, è una coccola, è l’antidoto che salva. Ispirato al Golden Milk con i suoi ingredienti morbidi, caldi, avvolgenti, che raggiungono ogni angolo del corpo e dell’anima, per lenire, difendere, purificare, dare respiro. Un ritorno all’infanzia, all’accudire, alla casa che ci abita dentro“.

Golden milk drinkNel tepore di questo latte denso e nutriente dalle sfumature dorate Gabriella Chieffo identifica il calore rigenerante e curativo che scaturisce dall’amicizia autentica, portandola ad immaginare un jus capace di confortare e far rinascere chi lo indossa… proprio come farebbe un abbraccio amorevole e salvifico in cui ci si rifugia e al quale ci si abbandona quando le conseguenze di un amore sbagliato e devastante per lo spirito sarebbero troppo pesanti da sopportare in solitudine.

Quelle dell’amicizia (“Per poter raccontare il veleno del dolore bisogna possederne l’antidoto. Spesso questo antidoto è l’amicizia, quando l’amore diventa tossico, insostenibile, mortale (…) basta qualcuno, un’amica, che raccolga un frammento di ciò che resta, innaffiandolo di dolcezza, ed ecco la rinascita, la primavera, la maestosità”) e del conforto (“confortare, con-fortis, rendere forte. Curare le ferite, che a volte, per chi vive con intensità, sono profonde e ostinate“) rappresentano infatti le tematiche fondanti, indissolubilmente connesse tra loro, della Collezione 2018 così come dello storytelling che fa da sfondo narrativo e concettuale alla fragranza:

“Ho preso, in piccoli fili di luce, nutrimento dalla tua bocca alla mia.
In questo risorgere, dopo lo strappo di un parto straziante mi hai trovata, naufraga, dietro la tua porta. Nessun biglietto. Nessuna istruzione. Ero solo una neonata col viso da vecchia e col bagaglio scomodo di un passato ingombrante.

Hai raccolto i cocci di ciò che ero e li hai uniti con colla dorata di abbracci, mi hai curata  con miele e parole e chiamato col nome più bello, Amica. Mi hai lavata con latte da tutto il dolore e col sole che hai dentro hai sconfitto l’inverno d’angoscia che gela i pensieri.

Pioggia dopo pioggia, mare dopo mare mi hai fatto rialzare e guardare l’immagine di me che finalmente tornava, nitida, perfetta e nemmeno troppo minuscola. Crescevo. 

Hai riempito il mio respiro interrotto e quella voglia puttana d’amore, mi hai dato quando non avevo niente e trovato quando ero ormai persa.

Abbiamo dormito e sognato di esser guerriere con un sospiro di Speranza che torna e germoglia nel petto”.

 

Lattedoro ad image

“Con questa collezione Gabriella Chieffo rivendica il diritto di essere fragile, di chiedere aiuto, anche stando in silenzio.
 Un inno al modo più raro ed intenso di amare”

Ed ecco come Maison Gabriella Chieffo descrive la composizione della sua nuova creazione olfattiva: “Luce di luna, chiara e materna, con tutte le sue fasi, gli influssi, la dolcezza. Il latte d’oro fragranza conserva questo incipit gourmand e si apre con le note speziate dello zenzero, del pepe nero e della cannella per continuare in un abbraccio voluttuoso di note lattee. Un latte mai troppo invadente o zuccherino ma in costante equilibrio con la parte più ‘cosmetica’. Il cuore della fragranza è impreziosito da sentori di iris e gelsomino con echi di cocco che riportano suggestioni esotiche. Nel fondo, quasi a contrasto, inflessioni di cuoio regalano una sofisticata sensualità. Lattedoro è un profumo fuori dall’ordinario, perché riesce, nella semplicità, ad evocare sensazioni misteriose, regalando un piacere che riscalda e perdura“.

Piramide Olfattiva
Testa: bergamotto, cannella, ginger fresh, noce moscata
Cuore: note di latte, iris, gelsomino, cocco
Fondo: sandalo, vaniglia, cuoio
Nuance speziate e lattee, ricche di rassicurante morbidezza ma pur sempre seducenti e raffinate, sembrano tradurre in termini fragranti questo connubio di fragilità e forza che è l’essenza stessa di Lattedoro; perché “la Donna di Collezione 2018 crede nel valore dell’autodeterminazione. È una donna libera, che ha superato ostacoli enormi, riprendendosi tutto quello che aveva perso nel nome di un amore malato“.

Come di consueto sarà un’installazione artistica ad accompagnare la presentazione della nuova creazione del brand negli spazi del The Mall, dove verrà esposta un’opera in stoffa e microcemento raffigurante tre seni quale simbolo di “una femminilità conquistata, una rotondità di frutto, regalata dalla natura. L’installazione diventa quindi metafora dell’accoglienza, della completezza, dell’affetto, della ricchezza. Una morbidezza da difendere, da raccogliere e tutelare, lontano da ogni serpe, da ogni dolore che vuole abitarla“.

Gabriella Chieffo portrait

Lattedoro di Maison Gabriella Chieffo è disponibile come Eau de Parfum nel formato da 100 ml.

Condividi questo articolo su